Articolo completo -> midollo spinale

Funzioni del midollo spinale

Ovviamente le funzioni del midollo spinale e dell’encefalo sono ben diverse, e, anche se il midollo spinale rappresenta in un certo senso “la via di transito obbligata” dell’encefalo, il suo collegamento con il resto del corpo, ha anche funzioni indipendenti.

Il midollo spinale da passaggio a fibre sensitive e motorie, ascendenti e discendenti, permettendo quindi la trasmissione dell’impulso nervoso. Inoltre una funzione propria del midollo spinale consiste nei vari riflessi, tra i quali i riflessi estensori (come ad esempio il riflesso patellare, controllato portando dei piccoli colpetti al ginocchio), i riflessi flessori, i riflessi di grattamento ed i riflessi di svuotamento della vescica e del retto. I riflessi sono le prime reazioni, le più rapide ad uno stimolo, così veloci perché non devono risalire fino all’encefalo.

Nervi spinali

I nervi spinali originano dall’unione di fibre motrici e fibre sensitive;

come abbiamo visto le radici posteriori contengono solo fibre sensitive mentre le radici anteriori contengono fibre motrici. Dato che un nervo spinale è dato dall’unione di queste due radici il risultato è che il nervo è misto contenente fibre sensitive somatiche e viscerali e motrici somatiche e viscerali (i nervi encefalici non sono invece necessariamente misti). Il midollo spinale è contenuto nel canale vertebrale e quindi da dove escono le fibre nervose a formare i nervi spinali? In corrispondenza dei fori di coniugazione presenti tra due vertebre contigue.

Abbiamo 31 paia di nervi spinali che emergono dalla colonna vertebrale, già citati, e sono 8 cervicali (il primo paio tra atlante e foro occipitale), 12 toracici, 5 lombari, 5 sacrali e 1 coccigeo. Le porzioni del corpo che sono innervate da un nervo specifico si chiamano dermatomeri. I nervi spinali (consideriamo un singolo nervo spinale) una volta uscito dai fori di coniugazione di divide a dare un ramo ventrale ed un ramo dorsale. I rami ventrali dei vari nervi spesso si intrecciano a dare strutture chiamate plessi, mentre i rami posteriori sono più piccoli e non formano plessi, ma sembrano innervare le strutture in modo più rigoroso e segmentato. I plessi principali sono il cervicale, il brachiale, il lombare ed il sacrale, dai plessi originano molti nervi che si dirigono verso numerosissime strutture.

Facebooktwitterpinterestlinkedin